Indice del forum Portoercole.org Forum
il forum di Portoercole.org  dal 9 Febbraio 2003
www.portoercole.org
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in

Pagine
visitate oggi


Aggiungi ai
 preferiti

Contatto
Sostieni PortoErcole.org

Video Manuali

Regolamento-Netiquette, Regole di buona educazione sul forum
In rilievo:
 


WebCam (porto) dal sito del comune
Iscriviti al forum
Attenzione la registrazione al forum comporta l'utilizzo di un indirizzo e-mail valido, in caso di indirizzo non valido la registrazione verrà considerata nulla.

Gruppo facebook chiuso..... leggi il post


Pirati MediaGallery


Prosit 2011 VideoGalleries


Condividi
Pagina

E' fatto assoluto divieto di indagine sull'identità degli utenti anonimi, anche indirettamente, gli utenti cui l'anonimato è minacciato in via privata mi segnaleranno il nome dell'utente "curioso" che sarà bannato senza preavviso.

DELL' ASSEDIO DI PORT' ERCOLE SENESE e di altra Historia

 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Off topic (non ..... Porto Ercole)
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
old.nick46
GoodWriter
GoodWriter


Registrato: 19/12/09 12:21
Messaggi: 412
Residenza: porto ercole

MessaggioInviato: Lun Set 20, 2010 12:09 pm    Oggetto: DELL' ASSEDIO DI PORT' ERCOLE SENESE e di altra Historia Rispondi citando

INTRODUZIONE
ad uso del Lettore

Non è possibile parlare di Porto Ercole Senese senza avere, per prima cosa, narrato di Siena.
I primi tre capitoli di questo racconto trattano, molto sommariamente, di storia della Repubblica della Balzana.
La narrazione dei preparativi e dell' assedio di Porto Ercole sono preceduti da sette capitoli che riguardano il periodo che va da Roma alla prima metà del secolo XVI. Ho cercato di raccontare fatti storici dei quali Porto Ercole è stato: e protagonista e spettatore.
Vi sono molte date, ma la storia è fatta anche di date.....
Molti brani sono riportati in latino: alcuni sono stati tradotti, gli altri sono comprensibilissimi.
Ho voluto dilungarmi nel trattare la biografia di Piero Strozzi: Questo personaggio mi ha molto affascinato: e per la sua personalità e per la sfortuna che lo perseguitò nella Guerra di Siena. Infatti le sue migliori imprese avvennero al di fuori della Toscana.
Mi auguro che questa narrazione non annoi il lettore il quale, in caso affermativo, non dia la colpa a Piero, Chiappino, Giangiacomo, Blaisé o Cornelio: la colpa è soltanto mia....
L' augurio che mi faccio è che questa narrazione possa stimolare qualche giovane studente liceale o universitario ad approfondire gli argomenti trattati ed a rivedermi le bucce....
Se questo dovesse accadere, la mia modesta, ma nello stesso tempo faticosa impresa, avrebbe raggiunto il suo scopo.

CAPITOLO PRIMO
La repubblica di Siena

Secondo quanto scrive lo storico Malavolti, fin dal secolo X° Siena ottenne dall' imperatore Ottone III° la libertà e la possibilità di governarsi da se. Tali benefici furono confermati dagli imperatori Svevi man mano succedutisi e contribuirono a raforzare il legame tra questa Città e l' Impero.
Nei secoli seguenti Siena, per mezzo di trattati, acquisti, guerre e donazioni, estese il suo territorio finché nel 1303, acquistando il porto di Talamone dai monaci dell' Abbazia di San Salvatore al Monte Amiata, ebbe il suo sbocco al mare.
Nonostante l' invettiva di Sapià nel canto XIII del Purgatorio:
" Tu li vedrai tra quella
gente vana
che spera in Talamone e
perderagli
più di speranza ch' a trovar
la Diana
ma più vi perderanno
gli ammiragli "
durante il secolo XIV° Talamone diventa il principale scalo marittimo della Repubblica Senese che lo fortificò, ne sistemò il porto, lo munì di guarnigione e rese più sicure le strade che da Siena vi conducevano.
Nel 1414, i conti Orsini di Pitigliano cedettero alla Repubblica i territori di Orbetello e di Monte Argentario con Porto Ercole.
Nella prima metà del secolo XVI°, Siena dominava un territorio che comprendeva, grosso modo, le attuali province di Siena e Grosseto.
La posizione geografica di detto territorio lo rendeva strategicamente importante: in quanto situato al centro dell' Italia, tra lo Stato Fiorentino ed il Patrimonio di San Pietro, rientrava nelle mire che la Francia con i suoi re Carlo VIII°, Luigi XI° e Francesco I° aveva sull' Italia ed in particolare sul Regno di Napoli.
Dopo la battaglia di Pavia ( 24\02\1525 ) che vide Francesco I° re di Francia sconfitto e fatto prigioniero da Carlo V° imperatore e re di Spagna, a Siena la fazione dei " Noveschi " riottenne il potere e cercò di mantenere una politica di equilibrio tra Francia e Spagna.
I giorni del potere durarono poco, la fazione avversa, detta dei " LIbertini " si sollevò il 6 aprile 1525, uccise Alessandro Bichi, maggior esponente dei Noveschi, ed esiliò gli altri capi: una parte di questi si rifugiò a Firenze, l' altra parte nello Stato della Chiesa.
Sotto la spinta dei fuoriusciti Noveschi si giunse ad una alleanza tra Firenze ed il Papa Clemente VII° e venne preparata una spedizione punitiva contro Siena.
Mentre otto galee di Andrea Doria, ammiraglio genovese al soldo del Papa, trasportavano truppe alla conquista dei porti di Maremma. Porto Ercole e Talamone, occupandoli, le truppe di terra marciavano su Siena cingendola di assedio.....
Top
Profilo Invia messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Off topic (non ..... Porto Ercole) Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi
www.portoercole.org - www.absoft.it

Powered by phpBB © 2001, 2005 phpBB Group
phpbb.it


 

 

Google

top 

Web www.portoercole.org